Contratto di ristrutturazione - Cosa controllare e cosa è davvero importante

Sicuramente in più di un'occasione ti è stato consigliato, o hai letto, che quando vai a fare un lavoro è importante prima firmare un contratto di ristrutturazione con l'azienda che si occuperà del lavoro. Ebbene sì, non importa dove o come l'hai sentito o lo hai scoperto, chi te ne informa ha ragione. La firma di un contratto di ristrutturazione è uno dei passaggi principali che puoi compiere per evitare problemi durante la ristrutturazione.

Tutto ciò è dovuto al fatto che un contratto di ristrutturazione contiene, in modo molto dettagliato, tutti i dati che devono essere controllati durante un lavoro . Ma per essere efficace, devi mettere insieme una serie di elementi. Deve anche essere firmato in un momento specifico. E se non contiene tutto ciò che deve essere controllato, il proprietario dell'abitazione o dei locali da ristrutturare può richiedere che vengano rimossi i difetti o che vengano aggiunti gli elementi mancanti prima di firmarlo. Ma cosa dovrebbe esserci in un contratto di ristrutturazione?

Contratto di ristrutturazione

Contratto di ristrutturazione: quando firmarlo

I contratti di ristrutturazione vengono stipulati una volta raggiunto un accordo con l'impresa disponibile per la ristrutturazione di un locale o locale. Cioè, per arrivare al punto in cui devi prima firmare un contratto, devi compiere diversi passaggi. Il primo, che avviene dopo aver contattato un'impresa di ristrutturazione, è generalmente un incontro con chi sarà responsabile dei lavori. In questo incontro devi dire loro cosa vuoi fare, dove, come, ecc.

I responsabili dello stesso designati dall'azienda raccoglieranno tutte le informazioni e visiteranno lo spazio da ristrutturare per farsi un'idea di come sarà il progetto. Fatto ciò, si siederanno per fare una prima proposta di contratto, che presenteranno al cliente in linea di massima.

Quindi si scambieranno impressioni e, quando raggiungeranno un accordo, il progetto finale potrà già essere delineato. Se il cliente è d'accordo, il processo può iniziare. Ma prima devi firmare il contratto . Nello specifico in quel momento: una volta concordato tutto quello che propone chi farà le riforme e prima che inizino i lavori . È importante che tu lo tenga a mente.

Cosa includono questi contratti

Prima ancora di iniziare il tutto, devi redigere il contratto di lavoro e firmarlo . Ma cosa dovrebbero includere questi tipi di contratto? Ebbene, per cominciare, le scadenze approssimative in cui verranno svolte le diverse fasi del lavoro. Per cominciare, la data di inizio delle attività e il termine per la loro esecuzione.

Il contratto conterrà anche un elenco dettagliato di tutte le operazioni da eseguire durante i lavori. Pertanto, quando vai a firmare il contratto, prenditi il ​​tuo tempo per rivedere attentamente tutte le attività in esso contenute , nel caso in cui ne manchino. Assicurati in particolare che se un'attività è confusa, sia ben spiegata.

Il costo totale deve apparire anche nel contratto di costruzione . Se possibile, suddiviso per materiali e compiti . In questo modo saprai, dall'inizio del lavoro, quanto ti costerà tutto e perché lo pagherai. Deve inoltre includere la forma di pagamento e indicare se verrà effettuato a rate e quando pagarle ciascuna, oppure se sarà pagata in contanti. Grazie a questo, puoi pianificare i pagamenti e sapere esattamente quando e come farlo.

Si raccomanda inoltre che il contratto includa i permessi che sono già stati concessi per la riforma e chi è stato incaricato di farlo. In caso di problemi durante i lavori o di un sopralluogo, tenere a portata di mano tutte queste informazioni. Oltre a questo puoi fare altre informazioni, come il tipo di materiali che verranno utilizzati e chi è responsabile dell'acquisto.

Questi sono alcuni degli elementi principali che dovrebbero essere inclusi in un contratto di riforma. Generalmente, il lavoro non inizierà fino a quando non sarà stato firmato e la data potrebbe anche essere sul contratto. Bisogna fare attenzione per sapere quando tutto inizierà, e se non c'è, chiederlo, e chiedere anche che se possibile sia incluso nel contratto di riforma.

Le scadenze, molto chiare nel contratto

Quando viene eseguita una riforma globale, generalmente la casa non sarà utilizzata per poterci vivere per una stagione. In quei casi, a meno che non si tratti di una seconda casa, i suoi abitanti dovranno trovare un altro luogo in cui risiedere finché dura il lavoro. Questo, a meno che non riescano a stare con i parenti o andare in vacanza, gli costerà dei soldi. Pertanto, il rispetto delle scadenze è estremamente importante per la realizzazione di una grande ristrutturazione.

Naturalmente, i termini di un lavoro o di un contratto non sono fissi . Possono essere soggetti a modifiche. Certo, in questo caso devi tener conto che devi modificarli nel contratto . Ad esempio, se a metà del lavoro ti accorgi di aver tralasciato una modifica importante dal progetto. In questo caso, dovrai avvisare l'azienda incaricata del lavoro in modo che possa vedere la possibilità di integrare ciò che chiedi nel lavoro e come influenzerà il suo sviluppo. Quando gli sarà chiaro, inserirà tutto nel contratto di costruzione e lo comunicherà. Come è logico, in questo caso il termine sarà stato esteso.

Lo stesso accadrà se durante i lavori si verificasse un imprevisto da parte dell'azienda. Potrebbe essere dovuto a una carenza imprevista di materiali, incontrando ostacoli che non erano disponibili e che richiederanno uno sforzo aggiuntivo per la rimozione, ecc. La possibilità di gravi imprevisti se tutto è ben studiato in anticipo non è molto alta, ma può sempre accadere, ci sono difetti nascosti che non si conoscono fino a quando non inizierà la ristrutturazione. Pertanto, prima di ogni evento, è meglio sedersi con il proprietario dell'immobile e discutere i problemi che sono sorti. È importante farlo il prima possibile , in modo che il cliente non si senta ingannato. Logicamente, i problemi porteranno a una modifica delle scadenze e al ritardo che dovrà riflettersi nel contratto in modo che il cliente sia debitamente informato.


Continua a leggere il nostro blog